Direzione Scientifica:
Prof. Avv. Angelo Clarizia
Prof. Avv. Giuseppe Morbidelli

Codice ISSN:
1972-3431

Redazione:
Giustamm
redazione.giustamm@gmail.com

Editore:
Editoriale Scientifica S.r.l. editoriale.abbonamenti@gmail.com

Direttore Responsabile:
Prof. Avv. Alfonso Celotto

Iscrizione presso
il Tribunale di Roma al n. 106 del
22/10/2020

Giurisprudenza


n. 12 - 2018   [24578]

T.A.R. Campania - Napoli - Sezione I - Sentenza 3 dicembre 2018, n. 6948
S. Veneziano, Pres.; G. Di Vita, Est.

1.- Processo amministrativo – impugnazione della graduatoria provvisoria – necessità – va esclusa quale atto endoprocedimentale.

2.- Processo amministrativo – mancato espletamento dell’incombente istruttorio disposto dal giudice – applicabilità dell’art. 64 CPA e dell’art. 116 CPC – sussiste.

3.- Processo amministrativo – art. 64 CPA e art. 116 CPC – ambito da cui desumere argomenti di prova - complessiva incertezza dei fatti come dedotti dalla parte ricorrente e resistiti dalla amministrazione.

4.- Sanità – personale sanitario – Accordo Collettivo Nazionale del 23 maggio 2005 – titoli di servizio – servizio civile volontario espletato per finalità umanitarie presso associazioni no profit iscritte nell’albo regionale del volontariato – è valutabile ex lett. g) dell’Accordo Collettivo Nazionale

Attesa la natura endoprocedimentale della graduatoria provvisoria, non sussiste alcun onere di impugnazione della stessa, radicandosi l’interesse a ricorrere solo in seguito all’approvazione di quella definitiva che cristallizza il punteggio e la posizione in classifica del concorrente.

Se sussistono profili di incertezza in ordine ad elementi fondamentali della domanda attorea, non chiariti neanche a seguito di incombente istruttorio, legittimante il giudice fa applicazione del principio ex art. 64 CPA e 116 CPC, desumendo argomenti di prova dal contegno processuale delle parti.

L’ampia dizione di cui all’art. 16 (“Titoli per la formazione delle graduatorie”),, lettera g), dell’Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale ai sensi dell’art. 8 del D.Lgs. n. 502 del 1992 del 23 maggio 2005, in una con la ratio della previsione, consente di valorizzare anche il servizio volontario prestato, senza scopo di lucro, presso associazioni no profit, iscritte nell’albo regionale del volontariato che svolgono, in campo sanitario, attività di soccorso sanitario con la sala operativa 118.